Cerca

L'Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto ha pubblicato sul proprio sito all'indirizzo https://istruzioneveneto.gov.it/20210210_9442/ la Nota DRVE n. 2592 del 10 febbraio 2021  della Direzione Generale e “Linee di indirizzo per la Gestione dei contatti di casi di COVID-19 all’interno delle scuole e dei servizi per l’infanzia”, già approvato dal Comitato Scientifico COVID-19 della Regione del Veneto in data 8/2/2021.

La Nota evidenzia il principale aspetto innovativo delle linee d’indirizzo: in presenza di un caso positivo a scuola (scuola primaria e scuole secondarie di I° e II° grado) deve essere programmato un test di screening da effettuarsi indicativamente entro le 72 ore (3 gg.). In attesa dell’esecuzione del test, il Dirigente Scolastico sospenderà la frequenza scolastica in presenza e attiverà la didattica a distanza per la classe e per gli altri alunni individuati come contatti scolastici.

Dopo che i contatti scolastici hanno effettuato il test:

  • in assenza di altri casi positivi, oltre al primo, i contatti scolastici potranno riprendere l’attività didattica in presenza, iniziando un periodo di sorveglianza stretta con frequenza scolastica. Durante tale periodo di sorveglianza stretta con frequenza scolastica, dovranno essere rigorosamente seguite le raccomandazioni di cui all’Allegato 1 delle linee guida stesse. A distanza di 10 giorni sarà programmato un ulteriore test di screening per determinare la fine del periodo di sorveglianza;
  • in presenza di almeno un altro caso positivo, oltre al primo, il SISP disporrà la quarantena per tutti i contatti scolastici e il Dirigente Scolastico confermerà la sospensione della frequenza scolastica in presenza e l’attivazione della didattica a distanza.

Restano altresì invariate le indicazioni per gli asili e le scuole dell’infanzia.

Le modalità di programmazione del test di screening sono definite, e comunicate alle scuole, dalle singole Aziende ULSS, sulla base della specifica organizzazione locale. Al fine di garantire un monitoraggio epidemiologico puntuale e le conseguenti azioni di sanità pubblica, il referente scolastico per il COVID-19 comunica al SISP competente per il territorio in cui è situata la scuola, l’elenco dei contatti scolastici.